Il mito di Cuma

La prima colonia greca d’occidente

Cuma, prima colonia greca d’Occidente, è uno dei siti archeologici più importanti e spettacolari del golfo. I Greci si stanziarono per la prima volta intorno al 730 a.C fondando una vera e propria polis sulla terraferma. Distrussero i villaggi indigeni preesistenti e ubicarono sulla collina l’Acropoli ed i suoi edifici sacri.

Il luogo più suggestivo degli scavi è sicuramente l’antro della Sibilla cumana ricordato anche da Virgilio in alcuni versi dell’Eneide, dove al suo interno venivano pronunciati gli oracoli.

Sulla rocca troviamo il Tempio di Apollo che si sovrapponeva ad un tempio più antico di età greca o del primo periodo sannitico, e in età augustea venne ampliato per volere dello stesso imperatore che volle rinnovare i luoghi ricordati nell’Eneide. Il somma poeta racconta che Enea raggiunse questo Tempio edificato da Dedalo, e al suo interno avrebbe consacrato ad Apollo le ali che gli avrebbero permesso di fuggire dal labirinto.

Arrivati sulla cima più alta dell’acropoli scopriremo il secondo tempio detto di Giove.

 

Resta aggiornato sulle nostre prossime visite guidate!

Lascia il tuo contatto